You are currently viewing Lavoro, Estero e Famiglia: le 9 domande al Giurista d’Impresa che fanno luce sulla professione del Futuro.

Lavoro, Estero e Famiglia: le 9 domande al Giurista d’Impresa che fanno luce sulla professione del Futuro.

L’intervista all’avvocato Carlo Rispoli, Giurista d’Impresa, che svela alla nostra rivista i segreti di una professione poco conosciuta e che è sempre più richiesta dalle imprese.

Avv. Carlo Rispoli

Ogni studente di Giurisprudenza durante il percorso di studi, almeno una volta si è chiesto: “cosa farò dopo la laurea?”

La maggior parte delle volte le risposte sono 2: una delle tre professioni (avvocato, notaio, magistrato) o il disoccupato. Scherzi a parte, in realtà esistono molti “mondi” inesplorati che vale la pena conoscere.

Infatti oltre ai classici mestieri del giurista, di cui si parla in modo quasi esclusivo nei corridoi della facoltà, ci sono moltissime altre carriere da intraprendere, come la carriera diplomatica, in organizzazioni internazionali o, quella di cui parleremo, la carriera di Giurista d’Impresa.

Anche io mi sono posto la fatidica domanda di cui sopra. La mia risposta è stata diversa, perché consapevole di non voler intraprendere una delle tre storiche professioni, ho deciso di guardarmi intorno e ho scoperto tantissime possibilità. Una di queste, per l’appunto, è la professione del Giurista d’Impresa.

Ma chi è e cosa fa un Giurista d’Impresa?

Il Giurista d’Impresa è il professionista che opera all’interno delle aziende e ne tutela gli interessi di natura giuridica, una sorta di “Avvocato d’affari” (anche se non è richiesta l’abilitazione forense). Questa figura valuta e gestisce i rischi di natura legale, svolge funzioni manageriali (tant’è vero che spesso è richiesta una conoscenza economica, oltre che giuridica) e negozia con i contraenti per conto dell’azienda.

Allora mi sono posto il quesito:

Chi può introdurci alla professione del Giurista d’Impresa se non un Giurista d’Impresa?

Abbiamo deciso di contattare l’avv. Carlo Rispoli e gli abbiamo posto alcune domande sulla professione che svolge all’estero. L’intervista riportata qui sotto verterà su 3 argomenti: Formazione, Lavoro e Famiglia.

Può presentarsi indicando che tipo di professione svolge e dove?

Sono in Lussemburgo da Settembre 2019 dove lavoro presso una banca di investimento americana, Brown Brothers Harriman. Mi occupo di controllo e monitoraggio dell’applicazione delle procedure sull’antiriciclaggio della banca.

Che percorso di studio ha svolto?

Laurea Magistrale in Giurisprudenza alla Federico II conseguita nel 2009. Master in Giurista d’Impresa alla Luiss conseguito nel 2013. Laurea Specialistica in International Business Law all’Università di Liverpool conseguita nel 2014.

Quali erano le sue aspirazioni durante il periodo universitario?

L’obiettivo principale era quello di concludere gli studi e conseguire il titolo di avvocato nel più breve tempo possibile per poter poi valutare le reali opportunità del mercato del lavoro. Devo ammettere che durante gli studi non avevo le idee chiarissime sul mio futuro professionale.

Lei è un Giurista d’Impresa. In che cosa consiste questa professione, in particolare il suo lavoro, e in che maniera si differenzia da quella dell’avvocato?

La professione che svolgo è equiparabile ad una consulenza para legale. Si va dalla classificazione di clienti nuovi e/o esistenti in base al rischio di riciclaggio, finanziamento del terrorismo o altri reati finanziari, al monitoraggio delle operazioni finanziarie dei clienti che potrebbero, per esempio, dare vita ad una segnalazione sospetta qualora si rilevino delle potenziali irregolarità o altri fattori di rischio in itinere.

Le procedure della banca vengono aggiornate e modificate periodicamente in base alle nuove normative internazionali ed europee che sono e saranno sempre più stringenti contro il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo. L’obiettivo della nostra professione è assicurare che il rapporto con il cliente si instauri e prosegua nella massima trasparenza.

Giurista d’Impresa e mondo del lavoro: c’è richiesta? È maggiore in Italia o all’estero?

La formazione legale ed in particolare di Giurista d’Impresa è molto ricercata in tutta Europa come prerequisito sul curriculum nei contesti bancari o finanziari in genere. In base alla mia esperienza personale, non ritengo che sia un requisito più richiesto all’estero che in Italia.

Dato che Lei lavora all’estero, parlerà sicuramente inglese, ma soprattutto padroneggerà l’inglese giuridico: quanto è importante l’inglese giuridico per un giurista e cosa si può fare per migliorarlo?

L’inglese giuridico è indubbiamente importante per affermarsi all’estero o in contesti lavorativi internazionali in Italia. Il miglior modo per perfezionarlo è conseguire una laurea o master all’estero. La specialistica conseguita a Liverpool è stata molto utile anche per questo.

Lavoro e famiglia: come riesce a approcciarsi e a gestire il rapporto con la Sua famiglia?

Sono ormai sette anni che non vivo più in Italia, ma la mia famiglia, grazie alla tecnologia, è molto presente nella mia vita.

Le manca l’Italia? Se avesse la possibilità di tornare nel Bel Paese, ritornerebbe?

Il percorso professionale a Londra e Lussemburgo per me è stato fondamentale sino ad ora. Tuttavia, qualora si presentasse un’opportunità valida in Italia, non esiterei a prenderla in considerazione.

Se potesse tornare indietro, ai tempi dell’università, che consigli darebbe all’aspirante Giurista Carlo Rispoli, e quindi anche a Noi aspiranti avvocati/giuristi d’impresa?

Consiglierei innanzitutto di non porsi limiti e acquisire il maggior numero di esperienze possibili post-laurea, sia da un punto di vista professionale che accademico. Migliorare o perfezionare, ove possibile, la conoscenza delle lingue straniere. Non posso non consigliare un’esperienza accademica e professionale in Inghilterra per ovvi motivi. Purtroppo, in futuro, causa Brexit, sarà tutto meno agevole per varie ragioni, anche se mi auguro che si trovino delle soluzioni per far sì che tutto rimanga com’è.  Se non si è sicuri e determinati sullo svolgimento della professione forense in Italia, consiglio il conseguimento della specialistica all’estero che potrebbe regalare più opportunità e migliorare notevolmente il proprio background accademico.

Sperando tu abbia trovato interessante ed utile questa intervista, voglio farti un regalo.

L’avv. Rispoli ci ha dimostrato come è importante iniziare ad acquisire competenze diverse da quelle classiche che ci offre l’università e per farlo abbiamo bisogno di tempo che spesso non abbiamo perché troppo concentrati “solo a studiare”.
Questo succede perché il vero metodo per studiare il diritto non viene insegnato nelle università e si continua a studiare con il solito metodo leggi e ripeti (inefficace!!) e con le solite logiche.

“QUINDI COSA POSSO FARE?”

Per incominciare a studiare il Diritto in maniera Divertente ed Efficace ISCRIVERTI ora al Webinar “Studente di Diritto Modello” e fin da subito scoprirai un mondo completamente diverso, di cui eri all’oscuro.

Lascia un commento